Approfitta delle nostre offerte, iscriviti alla newsletter.

 

Instagram

Un prodotto di A&C Advertising and Communication

Image Alt

Jewish ghetto, Trastevere and Rome at sunset

Uno dei tesori nascosti più belli di Roma

Jewish ghetto, Trastevere and Rome at sunset

40€ per person

Two of the most significant neighborhoods of Rome.This unique tour first takes you through the deep‐rooted history and dark past of the Jewish Ghetto,where you will visit the Great Synagogue of Rome and ruins whose origins precede the Colosseum.Then travel across the Tiber River to one of the oldest neighborhoods in Rome – Trastevere. Only a recent tourist attraction, this district is still very well‐preserved. And with its beautiful cobblestone streets and charming winding, narrow alleys, it’s no surprise that Trastevere is everyone’s favorite destination.

Rome at sunset.

Witness the magic that is Rome by sunset.
Join us on a leisurely walk through the enchanting streets and beautiful piazzas of Rome, discovering churches, hidden courtyards, palaces and great artworks of immortal artists like Caravaggio, Bernini, and Raphael.

  • Departure
    Campo Dei fiori 23 near Fountain in the front of the restaurant Carbonara
  • Return Time
    17.30
  • Dress Code
    Casual

Location

Il ghetto ebraico di Roma è tra i più antichi ghetti del mondo; è sorto infatti 40 anni dopo quello di Venezia che è il primo in assoluto. Il termine deriva dal nome della contrada veneziana, gheto, dove esisteva una fonderia (appunto gheto in veneziano), ove gli ebrei di quella città furono costretti a risiedere; un'altra possibile etimologia fa risalire l'origine di questa parola all'ebraico גט ghet (pl. גיטים ghittim o גיטין ghittin), che significa separazione.

Ghetto Ebraico di Roma

Il ghetto ebraico di Roma rappresenta uno dei tesori nascosti più belli di tutta la capitale. Visitare questo piccolo quartiere, delimitato dal Tevere da una parte e da Piazza Venezia dall’altra, rappresenta un’esperienza non solo culturale e religiosa, per via della Sinagoga e del museo ebraico, ma anche gastronomica, grazie ai numerosi ristorantini tipici sparsi per tutta il ghetto.
Il ghetto di Roma è considerato il più antico del mondo occidentale. Fu il papa Paolo IV ad ordinarne la costruzione nel 1555 revocando tutti i diritti concessi agli ebrei romani e dotandolo, originariamente, di soli due accessi per entrare ed uscire. La vita per gli ebrei era molto dura ed era sottoposta ad una serie di obblighi e divieti: obbligo di risiedere all’interno del ghetto e di portare sempre con se un segno distintivo di appartenenza alla comunità ebraica, proibizione di esercitare ogni tipo di commercio ad eccezione di stracci e vestiti e di possedere beni immobili. Gli ebrei fecero di necessità virtù diventando, grazie anche a questi divieti, scaltri commercianti di abbigliamento e abili uomini d’affari nel campo dei prestiti.
All’alba del 16 ottobre 1943 i nazisti circondarono il quartiere e catturarono oltre 1.000 ebrei prelevandoli a forza dalle loro abitazioni. Due giorni dopo i prigionieri furono caricati sui vagoni di un treno diretto ad Auschwitz: dei 1.023 deportati solo 16 sopravvissero allo sterminio.
Con il passare degli anni il ghetto ha allargato sempre più i propri confini territoriali fino alla “liberazione” del 1849quando, a seguito della proclamazione della Repubblica Italiana, fu abolita la segregazione. Nel 1870 gli ebrei furono equiparati ai cittadini italiani e nel corso degli anni le antiche stradine e i vecchi edifici furono demoliti per lasciare il posto a nuove costruzioni e alla realizzazione di tre nuove vie: via del Portico d’Ottavia, via Catalana e via del Tempio.

Recensioni

0.0
Overall
0
Accommodation
0
Destination
0
Meals
0
Transport
0
Value for Money
0

Write a review

s
You don't have permission to register